X
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

PRESENTAZIONE DI MARGHERITA HACK DEL LIBRO Zanna Blu Le Avventure DI CARMELO MUSUMECI

 PRESENTAZIONE a ZANNA BLU -Le avventure- di CARMELO MUSUMECI

di Margherita Hack

È un libro di favole per bambini e per adulti. È la storia delle avventure di Zanna Blu, un cucciolo di lupo abbandonato da mamma lupa perché non ce la faceva ad allattare tutti e quattro i suoi piccoli: fu costretta a scegliere se farli morire tutti di fame o sacrificarne uno.
Ma Zanna Blu, spaventato, solo e affamato è salvato da un lupo mannaro, uomo o animale, non si sa bene. Alla sua morte, di nuovo solo, Zanna Blu incontra l’amore della sua vita, Lupa Bella.
Catturato dagli uomini, legato a una slitta, frustato a sangue, Zanna Blu fugge, viene ripreso, ferito, ma sempre risorge quasi immortale.
Leggendo questo libro ci si sente in colpa per avere avuto un’infanzia felice, una famiglia che ci ha protetto e aiutato a crescere. E ci si domanda come saremmo stati se fossimo stati lasciati abbandonati a noi stessi, orfani o con genitori in carcere, o assenti. È di nuovo il bimbo Musumeci che si riaffaccia, che mette in mostra tutto il suo vissuto. Quell’infanzia rovinata dal bisogno di pane, con la nonna che gli insegnava a rubare al mercato e poi lo menava perché scoperto. È il male che emerge sordo al ricordo degli anni passati in collegio, dove Carmelo- Zanna Blu venne mandato dopo la separazione dei suoi genitori.
C’è chi afferma che l’uomo e la donna del presente sono il frutto di quel che erano nel passato. Se davvero è così, l’autore di Zanna Blu non è altro che l’uomo vero del riscatto, colui che dal passato attinge forza per cambiare. E forse, è anche il sogno di un bimbo che sperava davvero d’essere un cucciolo abbandonato. Sarebbe stato più fortunato? Forse Musumeci-bambino, si sentiva davvero come un lupacchiotto lasciato lì alla deriva, in balia del mondo criminoso che poi lo ha inghiottito. Difficile dividere i due aspetti, ma è in dubbio che nella serie di favole che raccontano le peripezie di Zanna Blu, Carmelo narra in realtà la sua vita, il suo anelito alla libertà che è vivo in ognuno di noi.
Carmelo è Zanna Blu, che vive dei ricordi dei suoi cari, delle persone che ha incontrato nella sua vita da libero e poi da ergastolano, dei buoni che sono cattivi, e dei cattivi che sono buoni, la storia dei lupi traditori e della solidarietà fra compagni di sventura. Inevitabile pensare alla sua prima opera “Gli uomini ombra”, invisibili e dimenticati da tutti, morti viventi, perché irreali come le ombre, ma così forti nell’amicizia e nell’altruismo come i quattro rinchiusi nella stessa cella di Carmelo: Tiziano, figlio di un boss diventato assassino perché obbligato a vendicare l’assassinio del padre; Pietro, l’uxrocidida e che aveva ammazzato pure l’amante; Giosuè che aveva ucciso una decina di persone che volevano ammazzare lui. E Nicola che viveva nel ricordo della moglie che lo aspettava da otto anni e non riusciva mai a vederlo.
In Zanna Blu emerge quel lato di onore e di virtù che si traduce nel rischiare la vita per aiutare il compagno in difficoltà, senza desiderio di vendetta anche se da lui ha subito torti e tradimenti. È il ricordo di Lupa Bella, dei suoi cuccioli, che dà la forza di lottare e di sopravvivere a Carmelo- Zanna Blu. È la luna che gli trasmette l’amore e i messaggi di Lupa Bella, a ridare speranza.
Questa seconda opera di Musumeci è il riscatto: non più il racconto reale di una vita nuda e cruda che trova nel presente il risultato di un passato rovinoso, poco attento, gramo di sentimenti e di amore di cui un fanciullo ha bisogno e chiede. Questi sono racconti che insegnano il coraggio, l’amore per la libertà, l’amore disperato per la compagna: scritti in maniera semplice senza retorica. Grazie a questa sua capacità di esprimere i suoi sentimenti Carmelo si ricostruisce una vita spirituale libera, che vale la pena di essere vissuta e che trasmette al lettore, bambino o adulto che sia, una profonda umanità. Sono favole, ma favole che fanno riflettere.

 MARGHERITA HACK


per richiedere il libro: zannablumusumeci@libero.it

 

RECENSIONI DEL LIBRO SI TROVANO SULLA SEGUENTE PAGINA DEL SITO DI CARMELO MUSUMECI http://www.carmelomusumeci.com/pg.base.php?id=1&cat=1&lang=

 

 

 

Profilo del gestore del sito e recapiti

In evidenza

Rassegna stampa della quarta conferenza mondiale Science for Peace della Fondazione Umberto Veronesi
Stefano Montanari, esperto di nanoparticelle, interviene sulla centrale a biogas di Cerveteri
Copyright Bioidee
Realizzato con Simpleditor 1.7.5