"Il passeggero abituale... drogato dal trasporto non ha più coscienza dei poteri fisici, psichici e sociali che i piedi di un uomo posseggono"
(ivan illich)

pagina iniziale

Diario della mia partecipazione al Grande Satyagraha: Giovedi 21 settembre: sesto giovedì di digiuno. Ad oggi hanno aderito al GRANDE SATYAGRAHA circa 500 cittadini non detenuti e più di 9000 cittadini detenuti.

Dal 16 agosto inizierà il GRANDE SATYAGRAHA  affinché il Governo emani entro l’estate i decreti attuativi del disegno di legge di Riforma dell’Ordinamento Penitenziario “per l’effettività rieducativa della pena” secondo quanto previsto dalla Costituzione.

 cliccando QUI si trovano i moduli di adesione fuori e dentro le carceri. Cliccando qui si trova l'elenco di cittadini fuori dal carcere aderenti al Satyagraha.

                         ************************

 Carovana per la Giustizia del Partito Radicale Nonviolento Transnazionale Transpartito:

  • Calabria

  • Sicilia

  • Sardegna

  • Puglia

Clicca qui per gli aggiornamenti

                     *************************

Auguri Rita.

Rita Bernardini è ricoverata dal 21 giugno in un ospedale romano dopo 25 giorni di sciopero della fame per l'approvazione dell'ordinamento penitenziario e per il diritto alle cure dei malati che assumono farmaci a base di cannabis che, come il Bediol, sono difficilmente reperibili sul mercato. Rita sta meglio e si sta incamminando verso la guarigione. FORZA RITA, sei fondamentale per la lotta per i diritti dei più deboli. ( 6 luglio 2017)

 

Il Partito Radicale Nonviolento Transnazionale Transpartito

organizza La Carovana per la Giustizia per raggiungere i seguenti obiettivi:

  • 3000 iscritti entro il 31 dicembre 2017 per continuare le lotte di Marco Pannella.
  • Amnistia e indulto come riforme obbligate per l'immediato rientro dello Stato nella legalità costituzionale italiana ed europea, premessa indispensabile per una Giustizia giusta
  • Superamento di trattamenti crudeli e anacronistici come il regime del41 bis e il sistema dell'ergastolo, a partire da quello ostativo.

Nel mese di giugno la Carovana si trova in Calabria. Per informazioni sull'iniziativa e aggiornamenti clicca qui

                              ******************************

Rita Bernardini del coordinamento della presidenza del Partito Radicale Nonviolento Transnazionale Transpartito è in Sciopero della fame dal 25 maggio per l'approvazione della riforma dell'Ordinamento Penitenziario e per la carenza di farmaci cannabinoidi

                    ********************************************

16 APRLE, giorno di Pasqua,

V Marcia per l'Amnistia, la riforma della Giustizia, la libertà, organizzata dal Partito Radicale Nonviolento Transnazionale Transpartito.

Il giorno di Pasqua, 16 aprile, si terrà la V Marcia per l'Amnistia e la riforma della Giustizia dal carcere di Regina Coeli a Piazza San Pietro promossa dal Partito Radicale Nonviolento Transnazionale Transpartito.

Il provvedimento dell'Amnistia è propedeutico alla necessaria riforma della giustizia penale e serve per smaltire i numerosi processi pendenti che intasano i tribunali.

Al 30 giugno 2016 i processi pendenti erano 3.800.000 nella giustizia civile e 3.230.000 in quella penale e circa 1.000.000 di procedimenti nei confronti di ignoti. Il numero elevato dei procedimenti pendenti favorisce la prescrizione, che è una amnistia clandestina e di classe; arriva alla prescrizione più facilmente chi si può permettere avvocati bravi e costosi.

E' necessaria una riforma della giustizia civile, la cui paralisi penalizza i cittadini, le imprese e scoraggia gli investimenti esteri.

L'amnistia servirebbe anche per una nuova politica penitenziaria. Al 31 gennaio 2017 il numero dei detenuti era 55381 a fronte di una capienza di 50174. riprende così il sovraffollamento degli istituti di pena, il dato è anche più grave se si tiene conto che in quasdi tutti gli istituti ci sono reparti chiusi e non agibili.

L'amnistia come primo passo per applicare il principio costituzionale del recupero e del reinserimento sociale dei detenuti, cosa, oggi, difficile e quasi impossibile al di là della buona volontà di chi opera nelle carceri, non solo sovraffollate, ma anche concepite solo come luoghi di pena afflittiva, piuttosto che come luoghi di rieducazione. Inoltre voglio segnalare una situazione, che a mio parere rappresenta un'emergenza, la presenza crescente di persone con disagio psichico: il 78 per cento delle persone detenute è affetto da almeno una patologia di cui il 40 per cento da una patologia psichiatrica.

Sono necessari intervnti per rivedere i circuiti di massima sicurezza, 41 bis, che assomigliano sempre più a luoghidi tortura.

Sono necessari interventi per l'abilizione dell'ergastolo, definito da Papa Francesco <>.

Alla marcia hanno aderito numerose personalità della politica, della cultura e dello spettacolo, numerosi religiosi a partire da cappellani nelle carceri, molti garanti regionali e comunali dei diritti dei detenuti, hanno aderito numerose associazioni, prima fra tutte la Conferenza Nazionale Volontariato Giustizia, la Camera nazionale penale. L'elenco degli aderenti è possibile consultarlo al seguenti indirizzo web http://www.amnistiaperlarepubblica.it/aderenti.html.

L'appuntamento è domenica di Pasqua alle 9:30 davanti il carcere di Regina Coeli per la quinta Marcia per l'Amnistia. Il percorso della marcia può essere consultato al seguente indirizzo web http://www.amnistiaperlarepubblica.it/percorso.html.

Alessando Pizzi, volontario nel carcere di Viterbo.

                  *******

Il 6 Novembre, il Partito Radicale Nonviolento Transnazionale Transpartito organizza in occasione della giornata del Giubileo del carcerato, la Marcia per l' Amnistia, l'Indulto, la Riforma della Giustizia, dedicata a Papa Francesco e a Marco Pannella.

                                ******************************

Adesioni alla Marcia di Associazioni e Istituzioni e personalità

Adesioni alla Marcia di singoli cittadini

I detenuti che aderiscono al digiuno di dialogo il 5 e 6 novembre sono quasi 20000.

                   *************************************

Mozione generale del 40° Congresso straordinario del Partito Radicale Nonviolento Transnazionale Transpartito

40° CONGRESSO del Partito Radicale Nonviolento Transnazionale Transpartito. Comunicato: DAL CONGRESSO NEL CARCERE DI REBIBBIA LE LOTTE PER LA TRANSIZIONE VERSO LO STATO DI DIRITTO

Voglio esprimere la gratituidine a Marco Pannella per aver testimoniato durante l'arco della sua vita la nonviolenza nell'azione politica, per averci insegnato che il cambiamento della società che si vuole deve essere prima di tutto il proprio cambiamento, per averci indicato la necessità della realizzazione dello Stato di Diritto che garantisce soprattutto i più deboli, gli emarginati, per le sue iniziative per il rispetto dei diritti dei detenuti , degli agenti di Polizia Penitenziaria e di chi opera nelle carceri, per averci esortato ad essere speranza contro l'avere speranza.

Grazie e ciao Marco.

Clicca qui per un ricordo di Marco Pannella di Radio Radicale

                                                        ****************

AUGURI A MARCO PANNELLA PER AVER INIZIATO I SUOI 87 ANNI. MAESTRO DI NONVIOLENZA E SPERANZA PER TUTTI E IN PARTICOLARE PER GLI EMARGINATI

****

Carceri/giustizia/amnistia. La Presidente di Radicali Italiani Laura Arconti scrive al Ministro della Giustizia Andrea Orlando: Quando riceverà, come promesso, i Radicali? - See more at: http://www.radicali.it/comunicati/20140301/carcerigiustiziaamnistia-presidente-radicali-italiani-laura-arconti-scrive-al-mi#sthash.vNJ4sJ2t.dpuf
Carceri/giustizia/amnistia. La Presidente di Radicali Italiani Laura Arconti scrive al Ministro della Giustizia Andrea Orlando: Quando riceverà, come promesso, i Radicali? - See more at: http://www.radicali.it/comunicati/20140301/carcerigiustiziaamnistia-presidente-radicali-italiani-laura-arconti-scrive-al-mi#sthash.vNJ4sJ2t.dpuf
Carceri/giustizia/amnistia. La Presidente di Radicali Italiani Laura Arconti scrive al Ministro della Giustizia Andrea Orlando: Quando riceverà, come promesso, i Radicali? - See more at: http://www.radicali.it/comunicati/20140301/carcerigiustiziaamnistia-presidente-radicali-italiani-laura-arconti-scrive-al-mi#sthash.vNJ4sJ2t.dpuf
Carceri/giustizia/amnistia. La Presidente di Radicali Italiani Laura Arconti scrive al Ministro della Giustizia Andrea Orlando: Quando riceverà, come promesso, i Radicali? - See more at: http://www.radicali.it/comunicati/20140301/carcerigiustiziaamnistia-presidente-radicali-italiani-laura-arconti-scrive-al-mi#sthash.vNJ4sJ2t.dpuf
Carceri/giustizia/amnistia. La Presidente di Radicali Italiani Laura Arconti scrive al Ministro della Giustizia Andrea Orlando: Quando riceverà, come promesso, i Radicali? - See more at: http://www.radicali.it/comunicati/20140301/carcerigiustiziaamnistia-presidente-radicali-italiani-laura-arconti-scrive-al-mi#sthash.vNJ4sJ2t.dpuf
Carceri/giustizia/amnistia. La Presidente di Radicali Italiani Laura Arconti scrive al Ministro della Giustizia Andrea Orlando: Quando riceverà, come promesso, i Radicali? - See more at: http://www.radicali.it/comunicati/20140301/carcerigiustiziaamnistia-presidente-radicali-italiani-laura-arconti-scrive-al-mi#sthash.vNJ4sJ2t.dpuf
Carceri/giustizia/amnistia. La Presidente di Radicali Italiani Laura Arconti scrive al Ministro della Giustizia Andrea Orlando: Quando riceverà, come promesso, i Radicali? - See more at: http://www.radicali.it/comunicati/20140301/carcerigiustiziaamnistia-presidente-radicali-italiani-laura-arconti-scrive-al-mi#sthash.vNJ4sJ2t.dpuf
Carceri/giustizia/amnistia. La Presidente di Radicali Italiani Laura Arconti scrive al Ministro della Giustizia Andrea Orlando: Quando riceverà, come promesso, i Radicali? - See more at: http://www.radicali.it/comunicati/20140301/carcerigiustiziaamnistia-presidente-radicali-italiani-laura-arconti-scrive-al-mi#sthash.vNJ4sJ2t.dpuf
Carceri/giustizia/amnistia. La Presidente di Radicali Italiani Laura Arconti scrive al Ministro della Giustizia Andrea Orlando: Quando riceverà, come promesso, i Radicali? - See more at: http://www.radicali.it/comunicati/20140301/carcerigiustiziaamnistia-presidente-radicali-italiani-laura-arconti-scrive-al-mi#sthash.vNJ4sJ2t.dpuf
Carceri/giustizia/amnistia. La Presidente di Radicali Italiani Laura Arconti scrive al Ministro della Giustizia Andrea Orlando: Quando riceverà, come promesso, i Radicali? - See more at: http://www.radicali.it/comunicati/20140301/carcerigiustiziaamnistia-presidente-radicali-italiani-laura-arconti-scrive-al-mi#sthash.vNJ4sJ2t.dpuf
Carceri/giustizia/amnistia. La Presidente di Radicali Italiani Laura Arconti scrive al Ministro della Giustizia Andrea Orlando: Quando riceverà, come promesso, i Radicali? - See more at: http://www.radicali.it/comunicati/20140301/carcerigiustiziaamnistia-presidente-radicali-italiani-laura-arconti-scrive-al-mi#sthash.vNJ4sJ2t.dpuf

Messaggio di Marco Pannella che pubblichiamo nella colonna di sinistra nella Newletter del Partito Radicale Nonviolento Transnazionale Transpartito. 

AUGURI MARCO E UN RINGRAZIAMENTO DI RICONOSCENZA PER QUELLO CHE HAI FATTO E PER QUELLO CHE FAI, SEI SEMPRE PIU' SPERANZA, SPES CONTRA SPEM

                                                *****************

VI CONGRESSO DI NESSUNO TOCCHI CAINO, SPES CONTRA SPEM, TENUTO PRESSO IL CARCERE OPERA MILANO

PRIMA GIORNATA, INTERVENTI REGISTRATI DA RADIO RADICALE.

SECONDA GIORNATA, INTERVENTI REGISTRATI DA RADIO RADICALE


Dalla manifestazione dei Musulmani a Roma, un messaggio di pace, solidarietà, nonviolenza 


Digiuno di dialogo con le massime autorità italiane, Sergio Mattarella e Matteo Renzi, di Pannella, Bernardini e altri radicali per plenum Corte costituzionale, cessazione violazioni italiane della Convenzione europea e per lo stato di diritto e il diritto alla conoscenza all'Onu.


Firma la Dichiarazione per lo stato di diritto e il diritto alla conoscenza contro la ragion di stato 


Carcere: ufficio di sorveglianza di Modena da due anni senza giudice. In coma il detenuto che si era impiccato in carcere. Rita Bernardini, segretaria di Radicali Italiani, da domani in sciopero della fame.


Papa Francesco chiede l'AMNISTIA.

GRAZIE Papa Francesco.

Per ascoltare la conferenza stampa di Marco Pannella clicca qui

Per leggere l'intervista di Rita Bernardini segretaria di Radicali Italiani clicca qui


Il Centro della ricerca della pace e dei diritti umani di Viterbo aderisce alla Marcia delle donne e degli uomini scalzi al fianco dei migranti


Pannella: ciò che sta accadendo ai migranti è un OLOCAUSTO.

Per leggere la dichiarazione di Marco Pannella clicca qui

Per leggere la dichiarazione di Mons. Giancarlo Perego,Presidente dell'Associazione <> della Conferenza Episcopale Italiana clicca qui

Per leggere l'articolo di Furio Colombo clicca qui


13 agosto OVERSHOOT DAY. Le risorse della Terra sono esaurite, da domani intacchiamo lo stock di  energia e materia delle future generazioni. Continuando con l'attuale modello violento di consumo e produzione, che ignora le leggi della termodinamica, distruggiamo la biosfera e i diritti umani.

Clicca per leggere l'intervento di Luca Mercalli sul quotidiano La Stampa. 


ANTIPROIBIZIONISMO: RELAZIONE DELLA DIREZIONE INVESTIGATIVA ANTIMAFIA. I RADICALI LA METTONO A DISPOSIZIONE SIU LORO SITI


Corruzione a Roma, intervista a Rita Bernardini


Biogas. EcoRadicali: basta biotruffa. 13 giugno presentiamo denuncia alla Commissione Europea 


27 gennaio Giorno della Memoria.

Collegamento al sito di Matepristem dell'Università Bocconi che ricorda la GIORNATA DELLA MEMORIA con lo scambio epistolare tra due matematici italiani, Mauro Picone e Guido Ascoli, cacciato dall'Università perché ebreo.

 

AMNISTIA PER LA REPUBBLICA. GLI OBIETTIVI DEL NOSTRO SATYAGRAHA CON MARCO PANNELLA

      


Discorso di Papa Francesco all'Associazione internazionale di Diritto Penale. Papa Francesco per l'abolizione dell'ergastolo e per condizioni umane e rispettose della dignità delle persone nelle carceri.


La storia della colonna della Pace a Soriano nel Cimino.


 Manifesto  No Prison del professor Massimo Pavarini e del giornalista Livio Ferrari. Il manifesto in 20 punti è redatto  per la dignità degli esseri umani in carcere e per la prevenzione della devianza


 Il Ministero della Giustizia, esaudisce una delle richieste dei radicali: forniti, infatti sul sito giustizia.it, i dati, carcere per carcere, delle capienze effettive e dei detenuti presenti.

     


CARCERI: FERMARE SUBITO IL MASSACRO, GARANTIRE LE CURE. SCIOPERO DELLA FAME DI RITA BERNARDINI. SCIOPERO DELLA SETE DI MARCO PANNELLA.


 CARCERI: RADICALI: CONDANNA PER INUMANITA': E' QUESTO IL VOLTO CHE RENZI VUOLE PRESENTARE IN EUROPA? 


CARCERI. BERNARDINI: L'UE PROROGA DI UN ANNO LA TORTURA DEI CARCERATI IN ITALIA. IL GOVERNO STA  PER QUANTIFICARNE IL PREZZO.

                                                                 ***********************

RADICALI: CARCERI, NON BASTA TORTURARE "UN PO' MENO"

                                                                   ****************

AMNISTIA E INDULTO: Dichiarazione urgente di Pannella e Bernardini

                                                                  **********************

Arsenico nell'acqua, Radicali:" la Commissione Europea avvia la procedura d'infrazione come da noi sollecitato"

                                                                 *****************

 Associazione italiana medici per l’ambiente- Isde: “I dati dello studio ‘Sepias - Sorveglianza epidemiologica in aree interessate da inquinamento ambientale da arsenico di origine naturale o antropica’  impongono anche nel viterbese misure urgenti per la protezione delle popolazioni esposte  da oltre un decennio a valori fuorilegge di arsenico” Per leggere il comunicato clicca qui

Per leggere l'intera pubblicazione scientifica che raccoglie i risultati del Progetto ‘Sepias - Sorveglianza epidemiologica in aree interessate da inquinamento ambientale da arsenico di origine naturale o antropica’clicca qui

 

In questi giorni  a Soriano si parla di arsenico nell'acqua. Pubblico le interrogazioni che ho presentato durante l'attività di consigliere di minoranza dal 2009 al 2011. Pubblico la posizione della società Talete riguardo l'esclusione di alcune sorgenti dall'acquedotto per la presenza oltre i limiti di legge dell'Alluminio (con lettera di trasmissione). Pubblico una tabella excell in cui sono riportati i valori dell'arsenico nelle poche rilevazioni della ASL. Dalla tabella emerge che i valori di arsenico nelle zone di San Giorgio e S.Eutizio erano già nel 2006 e 2007 oltre i 10 microgrammi per litro previsti dalla legge. le Amministrazioni che si sono succedute dal 2001 al 20011nella Regione Lazio, nella Provincia di Viterbo e nel Comune di Soriano nel Cimino hanno richiesto e approvato la deroga alla legge che prevede la soglia di 10 microgrammi per litro senza prendere provvedimenti per rendere potabile e salubre l'acqua pubblica.

La Presidente di Radicali italiani, Laura Arconti, scrive al Ministro della Giustizia Andrea Orlando.

*****

Carceri/giustizia/amnistia. La Presidente di Radicali Italiani Laura Arconti scrive al Ministro della Giustizia Andrea Orlando: Quando riceverà, come promesso, i Radicali? - See more at: http://www.radicali.it/comunicati/20140301/carcerigiustiziaamnistia-presidente-radicali-italiani-laura-arconti-scrive-al-mi#sthash.vNJ4sJ2t.dpuf
Carceri/giustizia/amnistia. La Presidente di Radicali Italiani Laura Arconti scrive al Ministro della Giustizia Andrea Orlando: Quando riceverà, come promesso, i Radicali? - See more at: http://www.radicali.it/comunicati/20140301/carcerigiustiziaamnistia-presidente-radicali-italiani-laura-arconti-scrive-al-mi#sthash.vNJ4sJ2t.dpuf
Carceri/giustizia/amnistia. La Presidente di Radicali Italiani Laura Arconti scrive al Ministro della Giustizia Andrea Orlando: Quando riceverà, come promesso, i Radicali? - See more at: http://www.radicali.it/comunicati/20140301/carcerigiustiziaamnistia-presidente-radicali-italiani-laura-arconti-scrive-al-mi#sthash.vNJ4sJ2t.dpuf
Carceri/giustizia/amnistia. La Presidente di Radicali Italiani Laura Arconti scrive al Ministro della Giustizia Andrea Orlando: Quando riceverà, come promesso, i Radicali? - See more at: http://www.radicali.it/comunicati/20140301/carcerigiustiziaamnistia-presidente-radicali-italiani-laura-arconti-scrive-al-mi#sthash.vNJ4sJ2t.dpuf
Carceri/giustizia/amnistia. La Presidente di Radicali Italiani Laura Arconti scrive al Ministro della Giustizia Andrea Orlando: Quando riceverà, come promesso, i Radicali? - See more at: http://www.radicali.it/comunicati/20140301/carcerigiustiziaamnistia-presidente-radicali-italiani-laura-arconti-scrive-al-mi#sthash.vNJ4sJ2t.dpuf
Carceri/giustizia/amnistia. La Presidente di Radicali Italiani Laura Arconti scrive al Ministro della Giustizia Andrea Orlando: Quando riceverà, come promesso, i Radicali? - See more at: http://www.radicali.it/comunicati/20140301/carcerigiustiziaamnistia-presidente-radicali-italiani-laura-arconti-scrive-al-mi#sthash.IxZqBEti.dpuf
Carceri/giustizia/amnistia. La Presidente di Radicali Italiani Laura Arconti scrive al Ministro della Giustizia Andrea Orlando: Quando riceverà, come promesso, i Radicali? - See more at: http://www.radicali.it/comunicati/20140301/carcerigiustiziaamnistia-presidente-radicali-italiani-laura-arconti-scrive-al-mi#sthash.IxZqBEti.dpuf

da radicali.it:

per leggere l'appello di Rita Bernardini e Irene Testa, clicca qui

Abbiamo contato gli anni, ora contiamo i giorni

28/02/2014 - 17:55 

La Segretaria di Radicali italiani Rita Bernardini ed Irene Testa, Segretaria dell'Associazione Il Detenuto Ignoto, hanno oggi lanciato l'appello "Amnistia-Satyagraha - abbiamo contato gli anni, ora contiamo i giorni", che segnerà il tempo che ci separa dal prossimo 28 maggio, termine ultimo

Perché sono contro l'ergastolo. Di Agnese Moro, Famiglia Cristiana 16 febbraio 2014 . (Ristretti orizzonti)

******

 

Carceri, Speranza (Pd): “L’abolizione dell’ergastolo è una battaglia di civiltà”(da ilfattoquotidiano.it)

******

Amnistia, i Radicali: “La Boldrini critica il M5S, ma si comporta come loro” (da Ilfattoquotidiano.it)

 *****

Satyagraha: Aderisci allo sciopero della fame in sostegno degli obiettivi dell'iniziativa nonviolenta di Marco Pannella in sciopero della fame e della sete dalla mezzanotte del 12 gennaio.

******

Collegamento con la rubrica MORIRE DI CARCERE di Ristretti Orizzonti. Grafici(excel2007)

******

25 dicembre 2013 MARCIA di Natale per l'AMNISTIA, la GIUSTIZIA, la LIBERTA'

 *****

Psichiatria Democratica aderisce alla Marcia di Natale indetta da Radicali Italiani

*******

E ORA INDULTO E AMNISTIA!!! Messaggio del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano alle Camere.

 *****

 Dibattito sulle carceri al Liceo Virgilio occupato. 

Intervento di Rita Berbardini, Segretaria di Radicali italiani, e degli studenti

 ******

Convegno "La clemenza necessaria. Amnistia  indulto e riforma della giustizia" con Luigi Manconi, Sandro Gozi, Pietro Grasso, Vladimiro Zagrebelsky, Andrea Pugiotti, Anna maria Cancellieri

                                                                           *****

 

 

 

 

SABATO 7 SETTEMBRE, DIGIUNO PER LA PACE

Aderisco alla giornata di digiuno per la pace proposta da Papa Francesco.

Solo la nonviolenza può salvare l'umanità e la biosfera dall'aggressione di coloro che agiscono sotto la spinta dell'egoismo, della voglia di dominio e di ricchezza.

                                                                             ******

clicca qui per leggere la RELAZIONE DELLA DOTTORESSA ANTONELLA LITTA sulle centrali a biogas (doc. in power point)

                                                                                  *****

clicca qui per leggere la RELAZIONE DI ALESSANDRO PIZZI tenuta a Vasanello il 13 aprile 2013 sulle centrali a biogas (Power Point e commento)

                                                                              *****

INFORMAZIONE RIGOROSA E MOBILITAZIONE POPOLARE INDUCONO L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE AD ABBANDONARE IL PROGETTO DELLA CENTRALE A BIOGAS

L’informazione rigorosa e la mobilitazione popolare hanno indotto l’Amministrazione Comunale a revocare la delibera dell’agosto 2012 con la quale iniziava il percorso che avrebbe portato a Soriano nel Cimino (VT) una centrale da circa 1 Megawatt a biogas ottenuto dalla digestione anaerobica di circa 30 mila tonnellate della parte organica dei rifiuti solidi urbani.

ANCORA SULLE  RAGIONI DEL NO ALLE CENTRALI A BIOGAS.

1) Nuove centrali servono?

No perché la potenza installata in Italia è doppia della potenza consumata. Nel 2011 la potenza installata è 118443 MW con un incremento di 11954 MW (+11,2% rispetto al 2010) picco di domanda: 56474 MW L’energia elettrica, negli usi finali, è sotto il 20%. Il consumo di energia elettrica può essere ridotto con il risparmio e l’uso appropriato dell’energia.

 I settori che consumano più energia sono rappresentati dalla mobilità e dalle abitazioni, uffici e negozi. Se si vuole risolvere il problema energetico, si deve innanzitutto cambiare il modello di mobilità, che oggi è basato sull’automobile, sui camion e sugli aerei, che consumano quantità ingenti di carburante e contribuiscono in modo significativo ai cambiamenti climatici.

Il consumo di calore a bassa temperatura nelle abitazioni, uffici e negozi  può essere diminuito con interventi di edilizia per contrastare la dispersione di calore e con la diffusione dei pannelli solari per l'acqua calda.

Il consumo di energia elettrica nelle abitazioni, uffici e negozi può essere ridotto con pratiche di risparmio e di uso appropriato dell'energia. 

Queste centrali non rappresentano una  alternativa eco-sostenibile, ma sono solo un affare grazie agli incentivi pubblici e si inseriscono bene nel modello di economia violenta che domina le nostre società.

2) Queste centrali non servono per risolvere il problema dei rifiuti.

La soluzione sta nella strategia virtuosa della drastica riduzione. In Italia sta crescendo una rete di comuni virtuosi che riducono i rifiuti. La riduzione dei rifiuti è possibile anche per la frazione organica, basta pensare alla quantità di cibo che viene buttata. Per la gestione dei rifiuti organici, oltre alla riduzione, occorre la diffusione delle compostiere familiari, di condomini, di vicinato, di comunità e un impianto di compostaggio comunale. Vanno sperimentate da parte delle Amministrazioni Locali strategie che favoriscano la partecipazione dei cittadini e la diffusione delle compostiere per piccole quantità di rifiuti.   Si devono respingere i progetti che affidano ai privati, da soli o in maggioranza schiacciante, la gestione di beni pubblici come le risorse energetiche e i rifiuti. E’evidente e inevitabile che l’impresa vuole trarre profitti e la soluzione dei problemi legati ai rifiuti o all’energia è del tutto secondaria. Inoltre per produrre il mais si sottraggono terreni agricoli alla produzione di cibo. Inoltre la produzione di mais richiede una grande quantità di energia elettrica. Così si arriva alla contraddizione di consumare energia elettrica per produrre energia elettrica. Un mais che non si mangia favorisce l’uso dissennato di fertilizzanti e antiparassitari chimici, il consumo eccessivo di acqua e inquinamento delle falde riduce la fertilità dei terreni e aumenta il rischio di erosione.

Queste centrali per produrre biogas utilizzano la digestione anaerobica, che presenta molti problemi di impatto ambientale e legali.

Numerose sentenze classificano il digestato proddotto dalla digestione anaerobica come rifiuto e come tale deve essere trattato e quindi non può essere usato, così come esce dal digestore come concime.

Il digestato ha alta probabilità di contenere spore di clostridi pericolosi per la salute degli animali e delle persone. Le spore con vengono distrutte dal processo di pastorizzazione.

Tutto questo è confermato da studi compiuti in Germania, in Svezia, in Emilia Romagna.

In Svezia, dove il rischio di gangrena gassosa è relativamente elevato, è stata vietata la fertilizzazione dei pascoli con i digestati anche se sottoposti a pastorizzazione.  Ecco un primo esempio di precauzione.

<>. Altro esempio di applicazione del principio di precauzione.

Oltre che inutili, queste centrali sono anche dannose ( da una relazione del prof. Gianni Tamino):

<

Oltre alla combustione possiamo avere altri usi energetici delle biomasse: ad esempio la

trasformazione chimica, in appositi digestori anaerobici, del materiale organico in biogas, cioè

metano da utilizzare per qualunque uso (produzione di calore ed elettricità o come carburante da

trazione). Questa trasformazione è particolarmente efficace per tutti gli scarti e reflui di origine

zootecnica, agricola ed alimentare. C’è poi un’altra utilizzazione delle biomasse: la produzione di

compost per l’agricoltura, cioè materiale organico opportunamente fatto maturare e mescolato alla

terra per garantire il ripristino degli elementi nutritivi nei campi agricoli. Il recupero della frazione

organica degli scarti delle industrie alimentari, dei mercati ortofrutticoli, delle mense ecc. per

produrre compost da impiegare in agricoltura può, comunque, essere ottenuto dai fanghi digestati

degli impianti a biogas, che sono analoghi al compost.

Ma il biogas prodotto da un biodigestore va poi bruciato in un cogeneratore per produrre energia

elettrica, con conseguente inquinamento atmosferico.

Comunque un impianto a biogas alimentato per il 90% da insilati, cioè coltivazioni dedicate

(sottraendo terreni agricoli alla produzione di cibo), ha un bilancio energetico molto basso, perché,

come abbiamo già spiegato, occorre calcolare tutta l’energia necessaria per la produzione agricola

(fertilizzanti, fitofarmaci, irrigazione, trasformazione, trasporti, ecc) e quella necessaria per far

funzionare l’impianto di biogas.

Il fatto che di solito il cogeneratore sia sotto 1 MW elettrico, non significa di taglia piccola, perché

comunque servono oltre 20.000 tonnellate di materiale ogni anno.

I problemi che si pongono sono:

- odori

- mezzi di trasporto (traffico e inquinamento)

- rumori

- emissioni in atmosfera

- scarti e rifiuti (del biodigestore e dell’impianto di combustione del biogas)

- collegamento alla rete e campi elettromagnetici.

Le emissioni in atmosfera deducibili dai dati forniti da chi propone impianti di taglia sotto 1 MW,

sono:

COT (composti organici totali, compresi composti cancerogeni) 1,2 ton/anno

CO 6 ton/anno

NO2 3 ton/anno

SO2 6,7 ton/anno

HCl 1,2 quintali/anno.

Mancano, in questo elenco, altri inquinanti, come, in particolare, le polveri, ma anche ozono (in

estate, come inquinante secondario derivato da emissione di ossidi d’azoto) e diossine. Per le

polveri si può calcolare 0,6 ton/anno di polveri molto fini, alle quali vanno aggiunte le polveri

secondarie (fino a 5 volte quelle emesse dal camino, molto fini).

Le diossine che si formano sono poche, ma non nulle, e ne bastano poche per avere un impatto

sanitario significativo.

Infine scarti e rifiuti sono prodotti dal biodigestore e da varie parti della centrale energetica.

Sulla base del biogas bruciato (circa 8,5 milioni di metri cubi) e del contenuto medio in metano

(circa 65%), si può affermare con una certa approssimazione che un cogeneratore di meno di

1MW, collegato al biodigestore, brucerà un quantitativo di metano equivalente a quello di circa

3.500 case di oltre 100 metri quadrati di superficie (consumo annuo di circa1.600 metri cubi).>>

CONCLUSIONE

1) E’ necessario un piano energetico nazionale basato sul risparmio e sull’uso appropriato dell’energia.

2) I rifiuti vanno ridotti e la frazione organica va recuperata con la digestione aerobica.

3) Vanno aboliti gli incentivi per  impianti a biogas o biomasse.

                            

 

 

 

 

                                                                              **** 

  27 Gennaio 2013 LA GIORNATA DELLA MEMORIA:

Poesia di Joyce Lussu: "Un paio di scarpette rosse"

Collegamento a MATEPRISTEM (MatematicaUnibocconi), che per la Giornata della Memoria pubblica un brano tratto da "Essere ebreodopo l'olocausto" di Imre Toth (Cadmo Edizioni) e la poesia di Pier Paolo Pasolini "Le ceneri di Gramsci) 

Collegamento a Il Fatto Quotidiano, che pubblica SHOAH E PARRAJMOS sullo sterminio su base razziale dei Sinti e dei Rom da parte del naziffascista

Centro di ricerca per la pace e i diritti umani di Viterbo: RILEGGENDO PRIMO LEVI PER IL GIORNO DELLA MEMORIA

                                                **** 

Dal convegno di sabato 15 dicembre a Soriano è venuto un altro deciso e documentato no alle centrali a biogas.

Il convegno è stato aperto da una introduzione della portavoce del Comitato No Biogas di Soriano, professoressa Clara Vittori, è proseguito con le relazioni della dottoressa Antonella Litta e del dottor Mauro Mocci dell’Associazione Medici per l’Ambiente (ISDE, International Society of Doctors for the Environment) e si è concluso con gli interventi di amministratori di alcuni paesi vicini, in particolare di Maurizio Palozzi, sindaco di Canepina, del vicesindaco di Corchiano e del vicesindaco di Vignanello, tutti contrari alla centrale a biogas di Soriano.

C’è stata una attenta e numerosa partecipazione da parte dei cittadini di Soriano.

Era presente anche una delegazione del Comitato contro le centrali a biogas di Manziana

Dal comunicato dell’ISDE:

<

Il  dottor Mauro Mocci, referente per il Lazio dell’Associazione italiana  medici per l’Ambiente - Isde,  ha evidenziato con chiarezza  di esposizione e dati l’inutilità e la dannosità per salute e ambiente delle centrali a biogas, a biomasse e degli impianti di biodigestione anaerobica che vengono costantemente proposti su tutto il territorio nazionale per conseguire, una volta realizzati, importanti incentivi economici in quanto spacciati per fonti  autenticamente rinnovabili quando in realtà lo sono soltanto formalmente.

Il dottor Mocci ha anche richiamato l’attenzione sulla necessità di una rigorosa e corretta gestione dei rifiuti che, se realizzata attraverso la raccolta  differenziata e “porta a porta”  e con  una reale politica del riuso, del riciclo e della riduzione dei rifiuti e soprattutto dei materiali da imballaggio, non avrebbe alcun bisogno della realizzazione di impianti di incenerimento, biodigestione e  discariche.>>

Da parte mia ribadisco l’inutilità delle centrali a biogas come quella di Soriano. Nuove centrali non servono.  La potenza installata in Italia è doppia della potenza consumata. Nel 2011 la potenza installata è 118443 MW con un incremento di 11954 MW (+11,2% rispetto al 2010) mentre il picco di domanda è 56474 MW.

Il consumo di energia elettrica può e deve essere ridotto con il risparmio e l’uso appropriato dell’energia.

Se si vuole risolvere il problema energetico, si deve innanzitutto cambiare il modello di mobilità, che oggi è basato sull’automobile, camion e aerei, che consumano quantità ingenti di carburante e contribuiscono in modo significativo ai cambiamenti climatici. Automobili, camion e aerei sono dei killer del clima.

Altro settore su cui intervenire è il consumo di calore a bassa temperatura nelle abitazioni attraverso interventi di ristrutturazione del patrimonio edilizio esistente.

Queste centrali non rappresentano una reale alternativa eco-sostenibile, ma sono solo un affare grazie agli incentivi pubblici.

Queste centrali non servono per risolvere il problema dei rifiuti perché la soluzione sta nella strategia virtuosa della drastica riduzione. In Italia sta crescendo una rete di comuni virtuosi che riducono i rifiuti, tra questi c’è anche Corchiano che si trova in provincia di Viterbo. Per la gestione dei rifiuti organici, oltre alla riduzione, occorre la diffusione delle compostiere familiari, di condomini, di vicinato, di comunità e un impianto di compostaggio comunale.

I prodotti della digestione anaerobica, come quella prevista a Soriano, sono rifiuti a tutti gli effetti e per essere utilizzati come concime devono essere trattati in impianti di compostaggio aerobico.

Vanno sperimentate da parte delle Amministrazioni Locali strategie che favoriscano la partecipazione dei cittadini e la diffusione delle compostiere per piccole quantità di rifiuti e non come avviene, ora in provincia di Viterbo, con impianti grandi che provocano disagi ai cittadini per i cattivi odori e per il traffico dei camion.  Si deve respingere il progetto che affida ai privati, da soli o in maggioranza schiacciante, la gestione di beni pubblici come le risorse energetiche e i rifiuti. E’evidente e inevitabile che l’impresa vuole trarre profitti e la soluzione dei problemi legati ai rifiuti o all’energia è del tutto secondaria. Inoltre Per produrre il mais si sottraggono terreni agricoli alla produzione di cibo. Inoltre la produzione di mais richiede una grande quantità di energia elettrica. Così si arriva alla contraddizione di consumare energia elettrica per produrre energia elettrica. Un mais che non si mangia favorisce l’uso dissennato di fertilizzanti e antiparassitari chimici, il consumo eccessivo di acqua e inquinamento delle falde, riduce la fertilità dei terreni e aumenta il rischio di erosione.

E’ ORA DI DIRE BASTA A NUOVE CENTRALI A COMBUSTIONE E DI PORRE IN ESSERE STRATEGIE PER AFFRONTARE LA VERA EMERGENZA PER TUTTI GLI ESSERI VIVENTI: I CAMBIAMENTI CLIMATICI.

LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI, IL RISPARMIO DELL’ ENERGIA, L’ USO APPROPRIATO DELLL’ENERGIA E DELLA MATERIA, UNA MOBILITA’ BASATA PRINCIPALMENTE SUI TRENI A VELOCITA’ NORMALE, SULLA BICICLETTA, SUI PIEDI POSSONO CONTRASTARE I CAMBIAMENTI CLIMATICI AL CONTRARIO DELLA COSTRUZIONE DI NUOVE CENTRALI ELETTRICHE!

   

 

Profilo del gestore del sito e recapiti

In evidenza

Rassegna stampa della quarta conferenza mondiale Science for Peace della Fondazione Umberto Veronesi
Stefano Montanari, esperto di nanoparticelle, interviene sulla centrale a biogas di Cerveteri
Copyright Bioidee
Realizzato con Simpleditor 1.7.5
X
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.